I consiglieri Mario D’asta e Mario Chiavola chiedono interventi anti-prostituzione al sindaco Piccitto

Per leggere cliccare sui relativi link

http://www.ragusaoggi.it/72347/case-a-luci-rosse-a-ragusa-proliferano-nel-centro-storico-la-richiesta-di-intervento-del-pd

http://www.corrierediragusa.it/articoli/cronache/ragusa/36038-ragusa-si-conferma-capitale-delle-case-di-piacere-le-prostitute-sono-cosi-tante-che-praticano-forti-sconti-per-farsi-concorrenza.html

Corso Mazzini, la riqualificazione non è compatibile con la prostituzione. Via gli sfruttatori dal quartiere

RAGUSA – Il quartiere delle Scale sta lentamente risorgendo, tornano le famiglie, si comincia timidamente ad investire nel complicato panorama edilizio. Fioriscono nuovi bed and breakfast che fanno registrare da subito il tutto esaurito, tanti sono i turisti che arrivano ogni giorno. Eppure c’è chi ripropone come modello di sviluppo l’attività di prostituzione, attirando giovani schiave, di solito straniere, a cui affittare un basso dove esercitare l’attività. E’ quello che è successo in questi giorni nel tratto iniziale di Corso Mazzini, proprio nel posto dove spesso si affaccia pensieroso il Montalbano televisivo. Si è vero non danno fastidio le ragazze. Le ragazze sono giovani schiave relegate in un ambiente umido e buio al servizio anche di vecchi bavosi che qualche tempo prima, probabilmente, hanno accompagnato con fierezza la loro figlia (della stessa età della prostituta) all’altare. Sono i clienti (“i forestieri del servizio giornalistico di VIDEO REGIONE”) a far provare disgusto a chi vive nella zona, non le prostitute, vittime del sistema. Spesso sono clienti senza alcun rispetto per i residenti. Persone che, fatti i loro porci comodi, poi pisciano lungo le scale popolate di giorno e di notte da bambini e turisti, a due passi dalla chiesa di Santa Maria delle Scale, dove oggi ogni fine settimana si celebrano i matrimoni, ora che è ritornata fruibile dopo un lungo periodo di lavori di restauro. Quando aprono una casa d’appuntamento nei pressi della vostra abitazione mettete in conto che verranno a pisciare sotto casa vostra, vi impediranno di affacciarvi dal balcone e, la vostra adorata figlia o vostra moglie, per gli altri, vivrà nel “quartiere delle puttane”. Voi maschietti invece sarete identificati come ben potete immaginare.